La mamma, consulente regalo per eccellenza dei propri bambini

Se non vuoi sbagliare, chiedi alla mamma, è quasi sempre questo il consiglio per chi non sa cosa regalare a un bambino o a una bambina

Questo succede soprattutto per due motivi: il primo è che le mamme sono più presenti nelle vite dei loro figli e più preparate sui loro gusti (e quindi sui loro desideri) rispetto ai papà, mentre il secondo è semplicemente che spesso alla fine anche i papà finiscono col rivolgersi alle mamme!

Mamme si scambiano consigli per i regali ai bambiniIronia a parte, nella maggior parte dei casi la mamma rappresenta il principale consulente per zii, nonni e amici che vogliono regalare qualcosa ai suoi bambini. Ecco allora che, oltre a farsi carico di gran parte delle faccende domestiche, oltre a gestire e tenere sempre a mente gli orari di scuola e altre attività dei loro bambini, le mamme spesso devono anche trasformarsi in vere e proprie macchine sforna idee regalo, il che significa:

  • Filtrare quotidianamente i mille “Mamma me lo compri?” rivolti dai loro bambini quando passano davanti alle vetrine dei negozi, riducendoli mentalmente a quei massimo 2 o 3 giocattoli che sembrano effettivamente utili e coi quali si può sperare che il bambino o la bambina giochino oltre una settimana
  • Avere sempre presente una panoramica almeno generale sui più diffusi giocattoli in circolazione
  • Tenere il conto di quale regalo si è consigliato e a chi, per evitare che vengano acquistati dei doppioni
  • Capire se un gioco che sembra rotto può essere aggiustato, e soprattutto intuire se chi ci giocava è ancora interessato al punto da giocarci anche dopo la riparazione o un nuovo acquisto

Insomma, nell’equazione compaiono capricci (tendenzialmente da sottrarre), le pubblicità dei nuovi giochi visti in tv tra un cartone animato e l’altro, i giochi che erano a casa dell’amico o dell’amica di scuola, e tante altre variabili, pronte a rendere il calcolo per il risultato finale una sfida da Nobel per la matematica.

Se già non fosse abbastanza, a complicare il tutto c’è anche il passare del tempo, perché il regalo di compleanno adatto per un bimbo di 2 anni non potrà mai essere dello stesso tipo di quando ne compirà 3, e così via. Non vanno dimenticate poi le occasioni particolari, perché oltre al Natale, alla calza della Befana e ai compleanni, che capitano tutti gli anni, possono esserci feste speciali, come ad esempio la Prima Comunione, oppure i festeggiamenti legati al raggiungimento di un obiettivo scolastico (promozione), etc.

Ci sono poi situazioni ancora più particolari, di solito legate all’età del festeggiato, come ad esempio la stessa nascita del neonato, o anche il Battesimo. Impossibile pensare di prevedere i gusti del bambino e regalare un giocattolo per una baby shower, a meno che non si tratti di chiavi da mordere, di sonagli o di palle colorate. Stessa cosa dicasi in caso di scelta del regalo per il Battesimo, classica situazione in cui amici e parenti preferiscono puntare sul rifornire mamma e papà del maggior numero possibile di oggetti che saranno necessari per affrontare i primi mesi da genitori, e cioè soprattutto pannolini, vestitini, ma anche un eventuale passeggino, una giostrina, un lettino, etc. Sebbene in questi casi i regali siano spesso di tipo usa e getta (vedi i pannolini) e quindi i doppioni siano più che ben accetti dai genitori, anche qui sarà soprattutto la mamma a dover coordinare la generosità di familiari e conoscenti, indirizzandola nel modo migliore per ottenere il miglior risultato.

Ora che abbiamo presente l’impegno richiesto alle mamme dalla consulenza dei regali durante i primi anni del bambino, regalare qualcosa anche a loro (magari una cosa di poco conto senza aspettare il compleanno) non appare solo dovuto, perché da questo punto di vista siamo tutti in debito, ma anche terribilmente giusto. Ricordatevi quindi di fare un regalo alle mamme, sono le uniche che apprezzeranno anche solo il pensiero!

Chiara
Sono Chiara, la mamma fortuna di Giulia, una splendida bambina di 9 anni. Lavoro in un negozio di abbigliamento al centro di Roma e nel tempo libero (poco) cerco di curare questo blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *